Che arte il profumo!

Tra tutte le cose che oggi condividiamo e che sono condivisibili, ce ne sono alcune – come il tatto e l’olfatto – che i social non sono ancora riusciti a riprodurre pubblicamente, togliendocele dal nostro intimo più privato. I profumi e gli odori sono  per esempio un affare assolutamente personale ed una materia che manca di un linguaggio uguale per tutti.

Materie prime per profumazioni esposte a Palazzo Mocenigo – foto di Palazzo Mocenigo, Fondazione Musei Civici Venezia

L’ impatto emozionale e la persistenza nella memoria individuale  di un odore  è tale da non poter essere nè ripetibile né riproducibile.

Io ricordo con chiarezza l’odore di brace con cui mia nonna si scaldava il letto, e l’odore dei ceppi bruciati nella sua stufa “economica” vicino alla quale si scaldava le ossa; ma ricordo  anche il profumo della pelle lavata col sapone di Marsiglia di una persona a me tanto cara e che associo in modo inequivocabile solo alla sua faccia ed al suo nome.

Insomma ad ogni odore corrisponde un’immagine e un contesto di vissuto  che poi si è trasformato in  sensazione – di freddo, di caldo, di gusto o disgusto – e che alla fine è continuato come emozione. Eterna.

L’olfatto “è uno dei sensi più diffusi nel regno animale, che sia nell’aria, nell’acqua o sulla terra.(..) Non conosco nulla senz’ odore”: 

così Jean Claude Hellena, creatore di profumi per la Maison Hermés. E’ lui che mi ricorda che il naso è il solo organo ricettore di interscambio con l’esterno di cui siamo dotati per la comunicazione diretta tra la nostra intimità,  e l’ambiente in cui viviamo. Forse questa caratteristica è anche il requisito necessario per preservare questo senso dall’”usura” che è toccata invece ad altri, come la vista .

Antichi vasi con materie prime per profumazioni esposte a Palazzo Mocenigo – foto di Palazzo Mocenigo, Fondazione Musei Civici Venezia

Ai profumi spetta un posto speciale: ho voluto parlarne  qui, assieme alle storie di produzioni di artigianato e di creatività artistica perchè si tratta di un mondo dove le mani e il pensiero creativo confermano di essere una parte determinante nella realizzazione di quelle opere.

Fare un profumo, oltre che rappresentare un mestiere creativo ( il mestiere di “naso”creatore di profumi è quello di  “stilista ” o di “sommelier” di fragranze), è anche una tradizione di lunga storia. In Italia, e non soltanto.

Vasi e attrezzature per profumeria esposti a Palazzo Mocenigo- foto di Palazzo Mocenigo, Fondazione Musei Civici Venezia

Si comincia dalla produzione delle materie prime utilizzate(gli olii essenziali come il bergamotto e il gelsomino, specialità italiane) fino al prodotto finale – il profumo – che per ogni regione italiana vanta una propria fonte di ispirazione, in relazione sia alle caratteristiche dei nostri territori che alla cultura del periodo. Sul finire dell’800, ogni regione d’Italia darà alla luce profumazioni diverse: così Capri avrà i suoi profumi a marchio Carthusia, Genova la sua Acqua, e Parma altrettanto, insieme alla famosa Violetta della Borsari & Figli. Senza dimenticare qui a Bologna, in Emilia, la storica Acqua di Felsina brevettata nel 1827 e recuperata oggi a nuova vita col marchio Autentica di Felsina.

Bortolotti etichetta delll’Acqua di Chinina Bortolotti di Bologna, fine XIX sec collez privata – foto Museo del Risorgimento

Sembra incredibile, e ci sfugge facilmente, eppure esiste ovunque una ricca cultura ed una lunga tradizione che viaggiano di pari passo con la sua importanza come risorsa economica, produttiva e di lavoro. Un esempio? Il numero di operatori che affollano le giornate del Cosmoprof di Bologna, una fiera internazionale che è giunta quest’anno alla sua 59sima edizione , con più di 250.000 visitatori in 4 giorni.

E più nascosta ancora, invisibile, c’è una cultura del saper fare che segue i codici del lusso: obiettivo del “naso”  è quello di far sentire chi indossa un profumo una persona con un  “abito” speciale che la renderà inconfondibile tra le altre.

Per questo si cercano oggi  marchi artigianali in cui è più forte la competenza e il gusto del mestiere del maître parfumier, perchè lui solo è in grado di  creare un profumo per nuovi desideri  di chi lo indossa .

Francesca Faruolo, studi in lettere ed una specializzazione in comunicazione e tecnologia dell’informazione, coltiva la passione per la bellezza e se ne è fatta ambasciatrice ideando il Festival Smell. Si tratta di un’occasione in cui – grazie ad ospiti speciali – Bologna “la dotta” avrà un’ occasione per mostrarsi nella sua veste ecclettica facendosi portavoce del lato artistico- culturale della profumeria.

Illustrazione di Georges Bousquet Casajordi per Smell Festival

Non sarà a Milano, capitale della moda e del lusso, né a Firenze, già nota a tutti per la sua storica tradizione di artigianato artistico, ma a Bologna che, a partire da giovedì prossimo 24 giugno, fino a domenica 27,  Smell Festival aprirà con le sue mostre, le installazioni artistiche, le esposizioni di fragranze, i laboratori, le conferenze  e gli incontri con i più famosi operatori del settore. Ci saranno   Diletta Tonatto  della Maison Tonatto, o l’artista Peter De Cupere, fino a Dominique Moellhausen  Perfumer e R&D Vice Director di Moellhausen s.p.a.

Non mi basterebbero le righe veloci di questo blog per raccontare tutto il mondo che riguarda i profumi. Comincio ora per proseguire poi con tutto quello che il Festival ci regalerà non appena aprirà i battenti.

Libri consigliati:
– Le parfum, di Jean Claude Hellena, PUF 2012
una ricca bibliografia specializzata è reperibile a questo link

Link consigliati:
Accademia del profumo
Smell Festival
Bortolotti Acqua di Felsina
Googles arts & culture
Consorzio del bergamotto
Colognoisseur ( blog di profumi)

Video:
Rai Italia Community
Gooogle arts & culture: i fiori di S. Remo
Google arts & culture: mostra delle essenze e dei profumi
L’olfatto, il senso del futuro | Francesca Faruolo | TEDxBologna

Annunci

La fiamma: la conosci?

Un tempo, tempo dimenticato dai sogni stessi, la fiamma faceva pensare i sapienti.

Al filosofo solitario regalava mille sogni. Sul tavolo del filosofo, accanto agli oggetti prigionieri della loro forma, accanto ai libri che istruiscono lentamente, la fiamma della candela richiamava pensieri senza misura. Evocava immagini senza limite.

La fiamma diventava allora, per un sognatore di mondi, un fenomeno del mondo.

Stavamo studiando in grossi libri il sistema del mondo, ed ecco che una semplice fiamma – ironia del sapere – viene direttamente a proporci il suo enigma.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Collage con due mosche – Frida Kahlo 1953 – foto @maninmente

Dentro una fiamma non vive forse il mondo? e la fiamma non ha anch’essa una vita? non è forse il segno visibile di una creatura intima, il segno di una potenza segreta? non contiene forse tutte le contraddizioni interne che danno ad una metafisica elementare il suo dinamismo?

Perchè cercare dialettiche di idee quando abbiamo, proprio alla radice di un fenomeno semplicissimo, dialettiche di fatti, dialettiche di esseri?

La fiamma è un essere senza massa eppure è un essere forte.

Davanti ad una fiamma noi comunichiamo moralmente con il mondo.
Persino in una veglia semplice qualsiasi, la fiamma della candela è il modello di una vita tranquilla e delicata. Certo il minimo soffio la scompone, esattamente come il pensiero estraneo nella meditazione di un filosofo in meditazione.
Ma quando giunge davvero il regno della vera solitudine, quando davvero suona l’ora della tranquillità, allora regna la stessa pace nel cuore del sognatore e nel cuore della fiamma. Allora la fiamma conserva la sua forma e corre, dritta come un pensiero sicuro, verso il suo destino di verticalità.

Ma per il saggio che io immagino, l’insegnamento della fiamma è più grande dell’insegnamento della sabbia che frana via.

ART CITY BOLOGNA.jpgLa fiamma chiama chi veglia a sollevare gli occhi dal suo infoglio. Ad abbandonare il tempo dei doveri, il tempo delle letture, il tempo del pensiero. Nella fiamma il tempo stesso si mette a vegliare.

Sì, chi veglia davanti alla sua fiamma non legge più.

Pensa alla vita. Pensa alla morte.

La fiamma è precaria e vacillante. Questa luce basta un soffio ad annientarla, una scintilla a riaccenderla.

La fiamma è nascita facile e morte facile.

La candela che si spegne è un sole che muore e la candela muore con dolcezza anche maggiore dell’astro del cielo: lo stoppino s’incurva, lo stoppino si annerisce.

La fiamma ha preso il suo oppio dall’ombra che la serra. La fiamma muore bene. Muore addormentandosi.

IMG_0746

Dora Maar – Ritratto di Nusch Eluard – 1920, stampa alla gelatina ai sali d’argento – Mostra 2017 di Palazzo Albergati a Bologna “Magritte Duchamp e i surrealisti” – foto @maninmente

(da “La fiamma di una candela” di Gaston Bachelard)
Radio 3 “Uomini e profeti” del 31 marzo 2018

Silenzio: parlano le mani

Quando c’è silenzio intorno è facile sentirsi a disagio: un po’ perchè è una dimensione poco comune oggi, un po’ perchè l’ assenza fisica di qualsiasi rumore ci provoca una sensazione di ‘mancanza’ , difficilmente compensabile.

Gli stimoli sono  – voluti o meno – il nostro sottofondo che ci riempie il quotidiano.

Lo spazio dell’altare della Chiesa di San Spiridione di Reggio Emilia prima dei lavori di installazione della mostra ad opera degli artigiani restauratori de Il Restauro srl di Villa Sesso (R.E.)

La mostra fotografica di Michael Kenna, “Confessionali”, allestita nei giorni scorsi a Reggio Emilia, ha come cifra di lettura proprio il “silenzio”:   è un punto di vista  alternativo, da utilizzare quando si osservano le cose per coglierle attraverso lo sguardo nei loro accadimenti e nella loro essenza.

E le cose che stanno lì da tanto tempo, senza clamore nè richiami, hanno tanto da dire, anche attraverso il paradosso del loro “vecchio”.

Confessionale della Chiesa di San Prospero di Reggio Emilia

Così è per questi manufatti – i confessionali – che, al di là delle connotazioni religiose e ideologiche, al di là della loro estetica non sempre conforme ai canoni  del ‘bello’, sono paradigmatici di un vissuto generazionale, oltre ad essere un’opera realizzata ed “abbellita” per uno scopo principale: la confessione. Quelle pareti di legno sicuramente hanno assorbito un profluvio di segreti, sentenze e pentimenti che oggi scorrerebbero davanti a noi con impietoso cinismo!

Tuttavia, adottando uno sguardo diverso, come quello di chi semplicemente osserva i lavori di allestimento della mostra,  si ha l’occasione di assistere ad un tipo di  bellezza simile a quella che si gode in uno spettacolo di teatro.

sullo sfondo Mauro, uno degli artigiani de Il Restauro srl di Villa Sesso (R.E.) durante i lavori di installazione della mostra di Michael Kenna “Confessionali” a Reggio Emilia dal 21 ottobre al 26 novembre 2017

Dentro alla cornice suggestiva della Chiesa di San Spiridione , a fianco della mostra, convive infatti anche un’altra narrazione, ugualmente importante. Lo scenario è quello di un ex pio luogo dei mendicanti, e probabile oratorio della sezione femminile, ricostruito nel 1736 ad opera di Andrea Tarabusi, affrescato negli anni successivi dal modenese Francesco Vellani, quindi diventato albergo dei poveri e infine orfanotrofio della città. Un luogo nascosto anche agli stessi abitanti di Reggio Emilia, in uno spazio semibuio e decorato tanto riccamente da emanare un carattere che “domina” ma che fa “tendere verso altri pensieri”.

vista dell’interno della Chiesa di San Spiridione di Reggio Emilia verso l’ingresso

Lì si è svolto il lavoro degli artigiani de Il Restauro Srl che non hanno restaurato nessun pezzo storico ma hanno montato la struttura moderna della mostra dal forte impatto nel contesto settecentesco della Chiesa.

vista dall’esterno della Chiesa di San Spiridione durante i lavori degli artigiani de Il Restauro srl di Villa Sesso (R.E.)

Altri  personaggi dietro le quinte della mostra sono stati il regista Rai Fabio Nardelli,  presente per il programma Il Sabbatico, l’editore Andrea Casoli di Corsiero Edizioni che  ha curato l’evento e l’architetto Stefano Lodesani , ideatore del progetto di allestimento.

Aldo e Mauro, due degli artigiani de Il Restauro srl di Villa Sesso (R.E.) al lavoro per l’allestimento della mostra e il regista Fabio Nardelli intento alle riprese

Al consumista compulsivo – suo malgrado o per  scelta – gioverà vedere il lavoro delle cose ben fatte. Quel lavoro contiene gesti  e scelte  che rendono il tutto godibile e “consumabile” anche ben oltre il momento della fruizione immediata, pur essendo il “dietro alle quinte” non direttamente visibile.

il progetto di Stefano Lodesani dell’allestimento della mostra fotografica di Michael Kenna “confessionali” 21 ottobre-26 novembre 2017

momenti dell’installazione dei pannelli decorativi della mostra “Confessionali” di Michael Kenna a Reggio Emilia dal 21 ottobre al 26 novembre 2017 da parte degli artigiani de Il Restauro srl di Villa Sesso (R.E.)

Aldo e Andrea de Il Restauro srl di Villa Sesso (R.E.) mentre sistemano i pannelli decorativi della mostra “Confessionali” di Michael Kenna a Reggio Emilia dal 21 ottobre al 26 novembre 2017

momenti duranti i lavori degli artigiani de Il Restauro srl di Villa Sesso (R.E.)

Anche le dinamiche tra chi lavora, tra chi c’era e chi non c’è, hanno un proprio significato: la gente si muove, parla, passa parola, si soddisfa e avvia una reazione a catena con ricadute sul territorio e sulle le istituzioni – presenti o assenti  – e tutti possono beneficiarne: da chi viene in visita, chi parla per raccontare da critico la mostra, chi espone, chi ha prodotto il catalogo, chi ha fatto le riprese, chi ha progettato l’allestimento, fino a chi lo ha realizzato e così via, in un processo di circolazione del valore di quelle idee che facilmente genereranno altri interventi, o almeno avranno dato lo stimolo per bisogni simili.

Insomma il tempo, la competenza il saper fare generano un indotto che si può riprodurre e che a sua volta può generare altro valore.

Si tratta di mestieri tradizionali – in particolare quello dellartigiano restauratore – che si sono riadattati alle nuove richieste (quelle del mercato dell’arte) e che hanno messo  a disposizione della domanda le loro conoscenze e competenze.

Aldo e Mauro de Il Restauro srl di Villa Sesso (R.E.) mentre sistemano i pannelli decorativi della mostra “Confessionali” di Michael Kenna a Reggio Emilia dal 21 ottobre al 26 novembre 2017

Andrea e Aldo de Il Restauro srl (Villa Sesso- R.E.) mentre sistemano i pannelli decorativi della mostra “Confessionali” di Michael Kenna a Reggio Emilia dal 21 ottobre al 26 novembre 2017

veduta dall’alto dei lavori di allestimento completati

Andrea de Il Restauro srl prima di posizionare i quadri

Fabio Nardelli intento nelle riprese

Allora questo “silenzio” che è  anche “silenzio del mistero” e che secondo i maestri religiosi porta al pensiero illuminato per raggiungere l’essenza delle cose e del mondo, dovrebbe oggi portarci ad urlare ‘basta’. Basta all’eccesso di rumore, basta al consumismo tout court, all’isolamento gli uni dagli altri in cui l’economia ci vuole cacciare per riforgiarci a suo piacimento e renderci solo e sempre “consumatori” facendoci credere che fuori da lì non c’è un senso al nostro esistere.

“Tutto il nostro paese, che fu agricolo e artigiano (cioè colto), non sa più distinguere nulla, non ha educazione elementare delle cose perché non ha più povertà. Il nostro paese compra e basta. (…)

Il nostro paese è un solo grande mercato di nevrotici tutti uguali, poveri e ricchi, che comprano, comprano, senza conoscere nulla, e poi buttano via e poi ricomprano. (..)

I ragazzi non conoscono più niente, non conoscono la qualità delle cose necessarie alla vita perché i loro padri l’hanno voluta disprezzare nell’euforia del benessere”.

(Goffredo Parise – “il rimedio è la povertà”)

Confessional, Study – Foto di Michael Kenna – Chiesa di Santi Pietro apostolo e Prospero vescovo, Reggio Emilia- 2007

Ci servirebbe davvero un po’ di silenzio. Senza i rumori che tanto ci attraggono ma che ci distraggono dal capire .

Lì si incontra sempre un inaspettato affollamento di vita.

Eigteen birds – foto di Michael Kenna – Reggio Emilia 2007