ll fare è anche meglio del pensare. (Breve intervista a una parrucchiera francese)

Distruzione creatrice” è una frase shock di un economista del XX secolo (l’austriaco Schumpeter) ma che rende benissimo la fase di cambiamenti oggi in atto. Viene da chiedersi se è positivo creare sulle macerie della distruzione, e la risposta è che dipende da cosa si distrugge. Se pensiamo ai tabù ed agli stereotipi che hanno circolato (e continuano) fino ad ora, beh io direi: ben venga la distruzione a creare qualcosa di nuovo! Se sul campo di battaglia però restano soprattutto le macerie di posti di lavoro e delle famiglie distrutte, è bene fermarsi a pensarci su.
Ma quanti sono i ragazzi che oggi, nella gestione dei propri “mi piace” assegnerebbero un ‘pollice sollevato’ ai mestieri fatti con le mani? Sicuramente più di ieri ma ancora molto pochi rispetto a quanto sta accadendo oggi. Facile piuttosto vedere i nasi arricciati – quelli di genitori e zie – davanti all’idea del figlio/nipote che sceglie di lavorare con le mani, come artigiano, anzichè continuare gli studi universitari (stereotipo n 1 del lavoro).


Per esempio, se si pensa al parrucchiere, cosa viene in mente? Non certo i nomi più blasonati (e strapagati) delle sfilate internazionali, per indicare i quali si abusa di appellativi esterofili (“hair stylist” o “coiffeur”)! Viene in mente invece la parrucchiera sotto casa, del salone-vista-passante, con donne imbigodinate (stereotipo n 2 del parrucchiere). Ma il contributo di conoscenze e competenze, del mestiere del parrucchiere o dell’estetista non sono così immediatamente evidenti nell’immaginario comune.

Foto tratta dal film "Il marito della parrucchiera"

Foto tratta dal film “Il marito della parrucchiera”

I film cult ambientati negli anni ’60 riprendono il cliché del luogo di ritrovo per donne frustrate (notevole tuttavia il loro contributo sociale!). Oggi i parrucchieri sono dei professionisti o piuttosto degli artigiani, come si è ribattezzato il negozio di parrucchieri del centro di Reggio Emilia Gate Artigiani Italiani Parrucchieri.

Maurizio Daddona all'opera per sfilata Italghisa - aprile 2014

Maurizio Daddona all’opera per sfilata Italghisa – aprile 2014

Il mestiere si fa solo dopo aver frequentato scuole specialistiche. Ma non basta, perché bisogna conoscere bene la materia prima e le tecnologie per trattarla (capelli e prodotti collegati) e nondimeno le tendenze stilistiche in atto. Si comincia col guardarsi intorno, con l’osservazione e l’ascolto attento della gente e dei personaggi più cool, e si continua con la ricerca, l’aggiornamento costante, i viaggi, le letture di tutto quanto fa tendenza. Una pratica che aggiunge alla conoscenza teorica il valore aggiunto del proprio gusto e della propria sensibilità. Un mix di cui, per altre vie, avevamo già indagato parlando di “restauratori”.
Queste sono le caratteristiche distintive che rendono tale il “mestiere fatto ad arte”. Questo è quanto va tutelato e garantito per tutte le attività lavorative, sia come professioni intellettuali che artigianali. Il resto è fuffa perchè comunque  “fare è pensare” (R. Sennet) e tra l’uno e l’altro non c’è alcuna combinazione gerarchica distintiva.

Laura Baudin al lavoro

Laura Baudin al lavoro

L’incontro da Gate con Laura  Baudin (foto) 23 anni, delle parti di Toulouse, qui in stage in virtù del suo iter scolastico alla Chambre de Métiers et de l’Artisanat di l’Aveyron, aggiunge conferme a queste osservazioni. Laura sta facendo un percorso di 4 anni, dopo aver interrotto un biennio di studi universitari. Alla scuola  impara biologia, chimica, coiffure, una settimana al mese, tra teoria e pratica insieme. Il resto del tempo è a disposizione: può investirlo come vuole, lavorando o curando i suoi hobbies. Laura lavora in un salone del paese di 15.000 abitanti dove vive. “I miei amici, non appena venivano a sapere cosa facevo cercavano di nascondere la loro sorpresa con aria di ‘compatimento'”. La parrucchiera? Meglio forse starsene a casa a studiare medicina, ancora ospiti dei propri genitori – sentendosi bambini a vita – per un titolo che oggi non dà più lavoro? La frase più significativa che Laura mi ha rilasciato è:”la vita è una ‘palette’ di opportunità e non c’è n’è che una: bisogna profittarne”. Vuole viaggiare, ama il cinema e l’arte ed è molto contenta di usare le mani perchè questo le consente anche di rilassarsi e di sfogare lo stress.
Laura è stata fortunata a ritrovarsi a Gate, uno spazio creativo dove stilisti del capello si prendono cura delle nostre ansie da look rimettendoci in forma nonostante la crisi del portafoglio.

Io condivido lo spirito che ispira la loro anima di artigiani. Uno spirito libero e divertito insieme, che non dimentica mai lo sforzo competente della ricerca del nuovo, della bellezza attraverso i suoi attributi e l’ascolto accogliente della gente che passa di lì.
Faccio mio parafrasandolo, il loro : “se osserviamo con calma e attenzione, possiamo scoprire cosa sia realmente un gesto, cosa ci sia dietro. Possiamo scoprire l’armonia del movimento, la ritualità dell’atto, l’eleganza di tutti i gesti che svelano un’unica alchimia: quella dei maestri artigiani, del lavoro paziente che svolgono nelle loro botteghe, per trasformare la bellezza in stile “.
Perchè la vera gioia è nel fare e nel creare e la virtù sta nel farlo bene.

Annunci

2 pensieri su “ll fare è anche meglio del pensare. (Breve intervista a una parrucchiera francese)

I commenti sono chiusi.